Un tubetto di ricordi…

No alla casta! Sì alla pasta! Grazie capitano! 🙂

Un ricordo lo si associa spesso ad una immagine vista, ad un odore respirato, ad una canzone… e perché no? Ad un sapore. Quel meraviglioso sapore che può avere una cena insieme, un piatto squisito… eppure di te ho un ricordo proprio strano. Non una poetica immagine, una musica soave… ma un sapore, il sapore del tuo dentifricio. Strano… strano fino ad un certo punto. Perché in fin dei conti sono le piccole cose il segnale più evidente di una conoscenza profonda. Tutti sappiamo le cose più importanti di una persona, di un fatto… sappiamo che Cristoforo Colombo “scoprì” l’America, che era il 1492, che era nato a Genova… ma non sappiamo che numero di scarpe portasse, quale fosse il suo ricordo più bello, la paura più grande, o che marca di dentifricio avrebbe usato se fosse vivo oggi! Sono i dettagli quelli che fanno la differenza. Tutti di te riconoscono il profumo, il colore dei capelli, ricordano il suono della tua voce; qualcuno conosce i tuoi segreti, le tue ambizioni e ha sentito raccontare più volte i tuoi sogni. Ma in quanti sanno che dentifricio usi? No, veramente… in quanti? Il numero cala vertiginosamente. Perché questi sono quei piccoli grandi innocentissimi segreti che ognuno di noi ha… e che io conosco di te, perché con te ho vissuto, con te ha sofferto, con te mi sono svegliato. Lo ammetto, mi fa un po’ strano pensare a te ogni volta che sento il sapore della “pasta del capitano” ma che ci posso fare? Davanti ad uno specchio, stordito dal sonno mattutino, o stanco per una lunga giornata, fisso il mio riflesso con lo spazzolino in bocca, e dente dopo dente, rivedo quei mille momenti insieme. Ricordi indissolubili sempre freschi… e alla menta, nella mente. E’ buffo guardarmi in pigiama con la schiuma bianca alla bocca, esattamente come da bambino, e sentire il suono delle setole tra i denti mentre nella testa rivedo quelle scene a casa tua, prima di andare a dormire dopo serate divertenti, dopo serate noiose, dopo serate normali. Dettagli che solo io, e pochissimi altri, possiamo sapere… sapore di menta e fluoro. Ridacchio e apro l’acqua. Mi sciacquo la bocca, mi riguardo allo specchio… quel sorriso ebete di chi sta pensando ad un bel ricordo è rimasto lì, sulle mie labbra. Non è poi così male ricordarsi di te tre volte al giorno…

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Il mercante di illusioni

Mercante del bazar Pul-I-Khumri (Afghanistan), 2003 © Laura Salvinelli

Lo incontrai la prima volta tempo fa, all’incrocio di due strade. Seduto dietro un banchetto imbandito di ogni cianfrusaglia e sogni di seconda mano, scrutava i passanti come a cercare di capire chi fosse adatto alla sua mercanzia. Occhi scuri, profondi, marroni come le castagne in autunno, e come queste il suo sguardo era protetto da pungenti aculei che ti si conficcavano nell’anima ad ogni occhiata. La barba come ricamata di colori vivi e pieni di sfaccettature ricordava quei mercanti mediorientali che gabbano i turisti vendendo loro ogni sorta di oggetto inutile e grottesco. Le braccia possenti e muscolose in grado di immobilizzare un toro se solo avesse voluto. “buona sera, amico mio – mi disse con voce accattivante – tu sembri proprio il cliente adatto per questo bazar”. Mi guardava con aria sicura, non era smielato, non era ruffiano, sapeva semplicemente di dire la verità. “Perché? Che tipo di cliente sarei io?” risposi un po’ stizzito, come tutti quelli che non amano sentirsi inserire in una categoria. “oooh, amico, ma è chiaro… tu sei un uomo sicuro di se. Una persona tutta di un pezzo…”. Aveva fatto centro, era riuscito a farmi fermare davanti al sua banco. “… la vedi questa? – tirò fuori da dentro una tasca interna una penna estremamente elegante, nera con rifiniture d’oro – questa è la soluzione ad ogni tuo problema”. Lo fissai, era chiaro che non gli dovessi credere ma una parte di me aveva già abboccato. “cosa sarebbe mai?Una penna magica?” risposi. “Questa penna ha un inchiostro speciale… è unica nel suo genere! E’ mescolato con lacrime di un’amante abbandonata e con una goccia di sangue di un grande poeta, non si esaurisce mai e chiunque la possiede può scrivere versi magnifici in grado di conquistare qualsiasi donna si desideri”. Lo fissai attentamente, non so perché ma sapevo stesse dicendo la verità. Guardai ancora il nobile oggetto nelle sue mani… la parte aurea brillava al riflesso del sole, era bella a vedersi. Allungai la mano per afferrarla… “ah! ah! Amico… tutto ha un prezzo” disse ritraendo la mano. “Quanto vuoi?” risposi io. “Oooh, questo mi offende terribilmente, pensi veramente che venderei un pezzo così pregiato per del vile denaro? No… voglio qualcosa di più personale da te”. Mi fissava negli occhi, uno ad uno potevo sentire gli aculei del suo sguardo ferirmi l’anima, sarei dovuto fuggire via, ma non lo feci, pregustando già di poter conquistare ogni amore. “Quello che voglio è qualcosa di estremamente prezioso… dammi il tuo sogno più bello”. Trasalii. Il sangue per un attimo si fermò nelle mie vene, mi gelai. “oh, forse ho visto male allora… non siete il cliente adatto” con una mano si riaprì la giacca pronto a celare nuovamente all’interno della tasca il mitico strumento. “No, mi hai convinto!” dissi afferrandolo per il polso cercando di fermarlo. Un lungo ghigno si allungò sul suo volto. Mi prese la mano sinistra e dentro ci mise la penna. Poi, senza lasciare la presa, alzò lo sguardo e mi fissò negli occhi “adesso pagami però…”. Quegli attimi li ricorderò per sempre. La sequenza, le sensazioni, ogni movimento. La mia mano destra che fruga all’interno della tasca sinistra della giacca, le mie dita che afferrano il sogno di una vita per l’ultima volta, il lento movimento per estrarlo dalla tasca, poi l’ultimo fugace sguardo a quell’oggetto, apparentemente senza valore: era un orecchino da donna, l’aveva perso la mia amata tempo addietro ed era per me l’unica speranza di rivederla, di ritrovarla, di conquistarla. Cos’è un sogno in confronto alla certezza di tutte le donne che voglio? pensai tra me e me in quell’istante. Il mercante aprì la sua mano e io vi feci cadere il mio sogno più bello. La chiuse e io non lo rividi mai più. Me ne andai senza neppure salutare. Arrivai a casa e iniziai a scrivere con quella penna prodigiosa; scrivevo storie, poesie e sonetti di una bellezza straordinaria, racconti eccezionali intrisi delle più belle emozioni che un uomo possa provare, scrivevo lettere d’amore per donne che puntualmente cadevano ai miei piedi. Ma mi resi conto di quanto quella penna mi costò veramente solo quando rileggendo ogni mio scritto mi accorsi che tutto parlava di lei, della mia amata che ormai non mi era più concesso neppure sognare. A che vale scrivere d’amore se poi non posso coronare il mio sogno? Così misi da parte la penna, gli scritti e ogni illusione. Il mercante di illusioni aveva fatto di me uno sconfitto.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Sposare Lara Croft? YES WE CAN (viaggio ai limiti dell’assurdità)

Lara Croft in azione

Tomb Raider è stato il primissimo gioco che ho avuto sulla mitica Play Station. Il primo di una lunga serie che poi si è interrotta sui giochi di calcio, perché, personalmente, non c’è cosa più bella che giocare a PES! Poi ho abbandonato console e joyped e addio giochi virtuali.

Tomb Raider aveva un paio di particolari , uno assolutamente decisivo,  che gli facevano superare il fatto che come gioco non mi piacesse: 1) era il maggiordomo “zombie” che mi divertivo a colpire in ogni modo. 2) Era, è, e lo sarà per sempre Lara Croft… entrata nell’immaginario collettivo come una vera e propria “sex bomb”, anche perché dopo averla interpretata Angelina Jolie sarebbe stato difficile il contrario! Nella mente di un ragazzino possono succedere cose strane, nella fantasia di un bambino ancora non adolescente… così quanti di noi si sono fantasiosamente innamorati di Lara Croft? E parlo della versione digitale, non di quella cinematografica.  Molti, moltissimi. Anche qualche adolescente… e forse pure qualcuno un po’ più maturo, eh?

Ma ovviamente la cosa è sempre rimasta a livello mentale, ben consapevoli che un pupazzo digitale, per quanto bello e affascinante possa essere, resterà sempre… inanimato!

Ecco il soggetto… iniziate a capire perché si è sposato con un videogame?

Allora andatelo a dire a questo tizio:  Sal 9000 (che volete da me? questo così si fa chiamare…) ragazzo giapponese che infatuatosi del personaggio contenuto in un gioco della nintendo ds ha ben pensato di sposarlo sulla famigerata isola di Guam, luogo dove la leggenda narra ci si possa sposare praticamente con… chiunque, e qualsiasi cosa aggiungerei a questo punto. Il gioco in questione si chiama Love Plus e simula il rapporto di coppia, o meglio dovrebbe simularlo… ma a quanto pare il buon Sal non l’ha capito e ha deciso di sposare Nene Anegasaki, personaggio del gioco (che tra l’altro ha un nome molto più serio del “marito”… ).

la mitica Margot di Lupin III  (o Fujiko…)

Che dire? Il mondo è pieno di matti! il sito della CNN addirittura offre alla notizia la pagina principale… e a noi comuni bambini intanto cresciuti rimangono mille dubbi. Ma vuoi vedere che potevo sposare Margot (di Lupin III) mi fa notare un mio amico… la mia mente vola ai vari personaggi dei cartoni animati a cui da bambino avrei volentieri potuto offrire una cena per conoscersi meglio… poi ritorno in me. Meglio di no. Dovessi prendere un 2 di picche pure da un cartone animato… non potrei sopportarlo!

aaaaaaaaaaaaaaaaaaa

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

il Cielo lassù…

Il cielo tutto sommato era sereno, sì, c’era qualche grande nuvola che di tanto in tanto si opponeva ai raggi del sole creando enormi macchie di ombra a terra, ma erano nuvole bianche, di quelle “buone” e quasi simpatiche; quelle che da bambino ti fermi ad osservare dal finestrino dell’automobile scoprendone le più originali somiglianze. Enormi massi di bianca materia immateriale che ti scivolano sopra la testa ogni giorno, folata dopo folata… dopo una certa età chi l’alza più la testa per guardarle? Che perdita di tempo!

Eppure qualche sognatore sparpagliato qua e là che si ostina a cercare di capire la bellezza delle nuvole ancora esiste, persino in città, dove al massimo si guarda in alto per capire se le previsioni del tempo avevano ragione e sul serio inizierà a piovere. Non tanto per l’interesse nella pioggia ma quanto per la paura del traffico, delle ore perse fermi in un fiume di asfalto! Quello sì che è tempo perso. Come biasimare un bambino che smette di guardare al cielo? Ricordo perfettamente che da casa mia la percentuale di cielo visibile era pari al 20-30% della visuale disponibile! In compenso ricordo una grande quantità di cemento, vernici, mattoni e ovviamente alberelli striminziti e rinsecchiti per i quali sembrava esservi una sorta di autunno perpetuo. Nelle giornate grigie era quasi difficile riuscire ad intuire la fine del cielo e l’inizio del cemento… o viceversa. Tutto diveniva una massa unica, un blocco solido di tristezza. Per un ragazzino del primo piano era decisamente difficile sognare al di là di quelle colate mostruose di cemento. Una pesantezza che a forza di guardarla ti inizia ad entrare inevitabilmente dentro. Una pesantezza innaturale.

Eppure anche allora ne ero certo, anche in quelle giornate così deprimenti: il cielo, lassù da qualche parte, doveva esserci. Come era possibile che quella enorme lucentezza di azzurro, di nero, di bianco e rosso fuoco con sfumature arancione potesse essere stata inghiottita da quella colata di nuvole? Si, si è vero, è impossibile scorgere il bel tempo sopra le nuvole quando piove, specialmente da un primo piano di un palazzo di città… eppure io l’ho sempre saputo. Ostinatamente proprio nei giorni più scuri pazientavo, davanti alla finestra piena di goccioline che al primo lampo si illuminavano come lucette di natale, e guardavo sù col naso quasi appiccicato al vetro. In tanti anni non sono mai riuscito a scorgerlo quell’azzurro durante la pioggia. Mai.

Poi sono cresciuto, ho iniziato a fregarmene del cielo e dei suoi colori, nella vita ci sono cose ben più importanti di qualche sfumatura nelle giornate di pioggia. Proprio quando sembravo convinto di tutto questo però successe qualcosa.

Aeroporto di Roma, diluvia… il volo è stato ritardato già due volte per il maltempo. Bella fregatura. Le ampie vetrate dell’aeroporto offrono un paesaggio spettrale: acqua a secchiate, vento impetuoso, aerei traballanti…  nuvole, nuvole e ancora nuvole. Sembra notte! Osservando il cielo nessuno spiraglio, neanche questa volta. Pazienza. Finalmente la tempesta sembra essersi sedata, resiste solo qualche goccia di pioggia e le solite nuvole nere. Tutti in partenza. Alla mia destra due sconosciuti, alla mia sinistra il piccolo oblò… Finalmente stiamo partendo. I motori sono accessi, cercano il massimo dell’energia, l’aereo prende la rincorsa, corre, corre e alla fine salta… per non riatterrare più, si aggrappa all’aria e… si vola. In quel momento la svolta… stiamo andando sempre più in alto, dall’oblò le automobili sembrano formiche, le persone non si vedono neppure, e le case… un momento… come sono lontane le case… la città, i palazzi e… il primo piano! Istintivamente gli occhi si spostano verso l’alto… ci stiamo per infrangere nelle nuvole! Non posso staccare gli occhi da quel soffitto plumbeo, poi… contatto! Siamo dentro. Dall’oblò non vedo più nulla, neanche la fine dell’ala! Che delusione! E’ così allora? Sopra le nuvole… altre nuvole? Per anni ho cercato questo? Rassegnato poso la testa sul sedile… chiudo gli occhi, non mi piace vedere il mondo con gli occhi di un deluso.

Poi ad un tratto… un riflesso in faccia, mi desta anche ad occhi chiusi, li apro istintivamente… è un raggio di sole! Riguardo nell’oblò e… le nuvole, sono sparite… o meglio, sono sotto di noi! Le abbiamo superate! Quel grigio soffitto si è trasformato in pavimento! Il Cielo brilla più che mai, nessuna nuvola ne copre neanche parzialmente la bellezza e il sole splende come fosse ancora più potente del solito.

Lo sapevo! Non importa quanto sia grigia la giornata, non importa quanta acqua ci sia a terra, non importa da quanto va avanti, c’è un certezza più grande di tutto questo: il Cielo, lassù da qualche parte, è sempre azzurro e niente e nessuno potrà farlo sparire… anche dal primo piano di un palazzo in città.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Vita e sigarette

A guardarlo così, fortuitamente, sigaretta al lato di una bocca quasi costantemente lineare, senza accenni di sorrisi, pelle incessantemente dorata dal duro lavoro all’aria aperta, capelli neri come la notte che lo portò in Italia, sembrerebbe proprio che quest’uomo sia un duro, un James Dean dei Balcani. Una persona sicura di sè, cuore di pietra, occhi fissi sull’obiettivo, sempre, mani pesanti come il cemento armato. Uno che non vorrei mai ritrovarmi contro in una lotta per la vita!

A guardarlo bene invece ci vedi tutt’altro… gli occhi fissi di chi non ha voglia di permettersi distrazioni oltre il lavoro; i vizi, i molti vizi, che sopperiscono all’assenza di una famiglia lasciata dall’altra parte del mare, e sopratutto una nuvoletta di fumo targato marlboro costantemente sopra la chioma spettinata  e impolverata. Un uomo senza fronzoli, uno che si sveglia, lavora e poi si strugge senza capire bene per chi, o per cosa… vive così, una tirata di sigaretta alla volta, sforzandosi di mantenere, in quegli occhi sempre attenti,  i luoghi dov’è cresciuto, le persone che l’hanno amato, i figli che non l’hanno mai conosciuto.

A parlarci invece senti l’eco… l’eco profondo di un uomo che dentro si è svuotato di tutto, sputando fumo e motivazioni… tabacco e ricordi… nicotina e vita… un vuoto costante.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

L’uomo dei sogni (lo facevo meglio)

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/societa/200910articoli/48782girata.asp

Adesso, io non so di certo cosa caspita sia questa notizia. Certo è che l’uomo dei sogni me lo immaginavo un po’ meglio! 🙂 Spero a questo punto di non sognare mai la donna dei sogni… casomai facciamo la donna dei MIEI sogni, a scanso di equivoci! Ad ogni modo una notizia veramente curiosa, forse troppo per essere vera, comunque molto originale e divertente. Se fosse vera sarebbe estremamente interessante capire perché avvenga… però sospetto più a un fenomeno web! Ripeto, non credendo possa essere vera: complimenti all’ingegnoso inventore di questa trovata.

il sito di riferimento è:  http://thisman.org/index.htm

vi posto anche il foglio del ricercato:

thisman_ita

se doveste sognarlo… fatemi sapere! Magari anche se gli somigliate voi!

Sogni d’oro! (quindi senza di questo… perché è abbastanza brutto!)

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Aggiornamento 10 Novembre 2009: Si è ovviamente rilevata una bufala. Rinnovo i complimenti all’ideatore! Una trovata molto simpatica! 🙂 http://attivissimo.blogspot.com/2009/10/luomo-dei-sogni.html

E tu? Risponderai?

L’ultimo video fatto in casa l’ho messo parecchio tempo fa… (e fu rimosso) quello precedente lo potete ancora vedere qui, era decisamente più futile di questo! 😀

Il seguente video è stato realizzato insieme ai miei amici: Sergio(il protagonista)  Daniele e  Stefano(due dei ragazzi sul divano che guardano la partita, il primo anche seduto sul cofano della macchina)  e Giovanni (quello che strilla al gol) + me e Fabio, che nel video non ci vediamo, ma ci siamo nella sapiente mano che dirige la videocamera… 😀

Buona visione!

Il video è ispirato a un sogno fatto da un ragazzo anni fa. Il nostro amico, che stava facendo un percorso di fede, decise ad un certo punto che Dio non era poi così importante, e deliberatamente smise di “coltivare” la sua spiritualità… tempo qualche giorno e sognò di non rispondere al cellulare… ma quando controllò lesse: “1 chiamata persa: Gesù”… una metafora fortissima, una parabola moderna, proprio come quelle che Gesù usava 2000 anni fa… Lui chiamava allora le persone e lo fa anche oggi, magari non al cellulare 🙂 , ma Lui ti sta chiamando… risponderai?

Oggi è il giorno che sarebbe potuto essere…

allorizzonte la calma, forse un tramonto

all’orizzonte la calma, forse un tramonto

Oggi è il giorno che sarebbe potuto essere… e che invece non sarà mai. Oggi è il giorno che ho sognato per un tempo, oggi poteva essere il momento di esaltarsi, di gridare. Il programma prevedeva parate e fuochi d’artificio, corse e spensieratezza, oggi poteva essere il trasloco definitivo di vecchie paure, antichi retaggi, vecchie sfortune… ma oggi non è stato quello che pensavo, speravo, credevo. Per oggi ho lottato con tutte le mie forze, ho afferrato ogni speranza passeggera tenendola a me, ma non si può imprigionare un sogno, rinchiudere un’ambizione. Ed oggi è lo spettro di se stesso, oggi è quello che era ieri e che sarà domani, oggi è “solo” oggi.

Mentre il tempo passa, mentre la clessidra scandisce i granelli di vite che vanno, mentre sul calendario leggo solo numeri senza prospettive, senza senso… l’ombra di ciò che poteva essere copre le 24 ore come un fantasma di storie antiche e ne spezza la bellezza e la peculiarità. Parole e ambizioni affogano in un mare di pensieri bianchi e insoluti. Non accenderò fiamme oggi, ne le spegnerò, non dispenserò sorrisi e luci colorate, non ci saranno musica ne balli. All’orizzonte la calma, forse un tramonto, che onestamente, seduto su di una stuoia di apparenze osservo in solitudine, mentre a valle tutti corrono.

Oggi, e solo oggi, è un giorno qualsiasi.

davidissimo.wordpress.com

Piano!!! di sopra!

 

Insonnia...

C’era una volta un piano, questo piano era sottile, come il cervello della Marini, o se preferite, come la difesa della Roma! Questo piano aveva una caratteristica fondamentale: divideva il sopra dal sotto, il primo piano dal secondo. Una funzione semplice, banale, ma svolta con grande dignità!

SOTTO, al primo piano, c’era un ragazzo, tipo me, anzi proprio ME! Che quel giorno, o meglio: notte, non aveva chiuso occhio, chissà per quale astruso sortilegio aveva passato una notte “a trivella” sul proprio letto, gira, gira, gira… più di Pizarro quando fa le finte (le finte… LA finta) più di quelle caspita di trottole di BEYBLADE (ai tempi miei i cartoni animati erano decisamente migliori). Questo ragazzo si era alzato ciclicamente con la scusa di fingere di avere un buon motivo di essere sveglio: andare al bagno, bere, andare al bagno, leggere un libro, bere, andare al bagno… e via dicendo… ma ad un tratto, come per magia sentì il MITICO tocco di Orfeo! e qualcuno dirà: e chi è orfeo? andatevelo a legge, ve dico io. Ad ogni modo, colpito violentemente dal sonno, alle 4.45 di mattina giaceva felice… e immobile…

SOPRA però una crudele strega, ma che dico strega,una  CRETINA! Aveva proprio deciso di ignorare le leggi: civili, penali, civiche, morali, pubbliche,basilari, di bon ton, geografiche e sopratutto dello stramaledetto buon vicinato! Questo poteva essere fatto in qualsiasi giorno dell’anno, in qualsiasi ora, in qualsiasi modo… ma NO, no, quella volta fu così, il tutto si svolse in QUEL momento e in QUEL luogo con crudele determinazione.

ore 6.00 di un sabato mattina “qualunque” ma drammaticamente specifico, lui, sotto, non ancora entrato nella fase REM ma che da lontano ne rimira l’ingresso… lei, sopra, appena sveglia, misteriosamente calza già scarpe coi tacchi… apre e chiude un armadio ripetutamente (neanche fosse la fermata della metro di NARNIA) getta a terra oggetti non identificati ma rumorosi, fa avanti indietro, avanti, sopra, indietro, avanti, due salti, guarda in sù, guarda in giù dai un bacio a chi vuoi tu… il tutto, e questo è veramente spaziale, seguita da un rognosissimo cane di taglia medio-piccola MA con le unghie più lunghe che la zoologia moderna ricordi!

SOTTO… ODIO PROFONDO e INSULTI PESANTI, pesanti come un gol in zona cesarini, pesanti come la donna cannone, pesanti come essere lasciati dalla tua ragazza, il giorno del tuo compleanno, per colpa del tuo migliore amico mentre sotto va un pezzo di Marco Masini, pesanti come LA CICCIONA DEL PIANO DI SOPRA!

Dopo una prolungata tortura il ragazzo cambia stanza, si butta sul divano e… boom, riecco Orfeo (mo lo sapete tutti chi è! No, No MORFEO quello gioca nella cremonese, lasciatelo perde) ma la perfida cret.. strega, se ne accorge e inizia di nuovo il teatrino (ma quanti armadi c’hai a casa?) nella stanza sopra a quella del ragazzo “e allora dillo che ce l’hai co’ me…!”

ore 7.42 si sente un boato, è come una porta sbattuta… aspetta… E’ PROPRIO UNA PORTA SBATTUTA! poi tacchi per le scale… un portone si chiude e… è tornato il silenzio…

davidissimo.wordpress.com

Outing di un sognatore

Lo ammetto. Sono sempre stato un sognatore, mai per scelta, sempre per necessità. Lo confesso oggi, davanti tutti voi, per la prima volta. Non posso più sostenere il peso di questa scomoda condizione. Non posso più fingere… non ce la faccio. Dietro scelte misurate, calcolate e ben pensate si nasconde lo slancio di un istintivo, lo sguardo di un visionario che vede oltre quello che gli è concesso capire. Ho finto bene, lo so! Una stabilità da quattro soldi ha incatenato per un po’ la voglia di osare, di andare al di là dei proprio confini, di mischiare la certezza con la possibilità. Ho nascosto i fallimenti in barattoli di speranza e la delusione dietro una mano di vernice, ancora fresca. Passo il tempo libero a sognare e sognare e sognare, senza mai una pausa senza mai una realtà, ho visitato mondi paralleli, ho timbrato il biglietto per treni immaginari, ho sentito musiche che ancora devono essere scritte e visitato luoghi mai esistiti. Le situazioni “reali” sono solo una degenerazioni dei miei sogni, tutto quello che faccio di giorno in giorno un intermezzo tra un sogno e l’altro. Lo stato onirico è quello che preferisco, la forza di qualcosa che non c’è, non esiste, eppure ti condiziona la vita, è molto più interessante di 1000 realtà che non ti lasciano nulla. Preferisco un buon libro ad un giornale, e mi diverto di più a perdere lo sguardo nel nulla che a vedere la televisione. In treno guardo sempre fuori dal finestrino e di fronte al mare cerco di immaginare dove è stata ogni molecola d’acqua. Quando piove conto le gocce e quando c’è il sole gioco con le ombre. Di tutto quello che ho sognato potrei fare un elenco lunghissimo, di tutto quello che sognerò di qui a domani un elenco infinito… tutto sfocia nell’utopia, nell’impossibile, ma questo è proprio il bello di sognare, perché sognare cose fattibili sarebbe riduttivo… forse è per questo che sogno la pace, che sogno il mondo, che sogno la vita, che sogno il mare, il cielo, la poesia, la storia, la musica, che sogno lei, il cambiamento e l’instabilità.