Tempi indefiniti

Se parti alle 4 di mattina, per tornare a casa, stai viaggiando di notte o di giorno? Certo, le 4 sono di “mattina” quindi di giorno, ma se tutto intorno a te è semplicemente BUIO e la luna sembra cantarti una ninna nanna per farti tornare sotto le calde coperte mentre la temperatura intorno a te è alta come un puffo… come fai a non percepirla come NOTTE?! In macchina poi non ne parliamo… in tutti sensi, perché effettivamente alle 4 di mattina di cosa vuoi parlare? Ricordi a malapena la meta figuriamoci se puoi raccontare episodi della tua vita o tentare di argomentare un’opinione!Comunque  sarebbe come cercare di spiegare la gioia di vivere ad un zombie… allora si crea un gelo spesso come una lastra di ghiaccio in alaska, improvvisamente fa più freddo dentro la macchina che fuori… prodigioso! Allora ti metti a guardare fuori dal finestrino ma è tutto maledettamente buio, non vedi nulla… la macchina però oscilla, trema, sobbalza… il vuoto intorno, il silenzio all’interno… la testa dondola, gli occhi “lampeggiano” per fortuna non sto guidando io altrimenti mi facevo tutti i pali della salerno – reggio calabria… poi inizia a piovere, sul vetro vedi le gocce: 1, 2, 3 gocce… 4 gocc… zzz zzz… le palpebre si abbracciano, il sonno è innescato… sei partito… ma un sobbalzo rompe l’incantesimo! Maledizione non riesco a dormire in macchina. Il rumore delle gocce si fa ipnotico, i tergicristalli danno il ritmo alla tua sonnolenza… “lo stiamo perdendo”, ormai è fatta! Ma con l’ultimo mezz’occhio che hai a disposizione leggi “FROSINONE”… CASPITA! Sto vicino ROMA!!! Devo chiamare per farmi venire a prendere… e come se telefonassi al sole ecco spuntare il primo raggio che decide di infastidirti… è finita, non si dorme più… però mamma mia come sto TRAUMATO!

Il passo giusto

La vita è senza dubbio un percorso. Un Cammino che al di là delle proprie convinzioni, idee o fede ci porta sempre ad una “fine” ad un punto di arrivo che può essere quello che abbiamo sempre desiderato o semplicemente la prova del fatto che abbiamo sbagliato strada, come quando in auto ci si accorge svariati km dopo di essere andati nella direzione opposta… a me è capitato. Nella vita basta poco a variare tutto, a sbagliare strada o quantomeno a cambiarla di quel poco che basta per ritrovarci tra qualche anno a fare tutt’altro rispetto ad oggi. Sliding doors, oggi lascio scuola domani me ne pentirò. Arrivo in ritardo ad un appuntamento, conosco la donna della mia vita… Tutto è collegato ad un equilibrio instabile che trascende la nostra comprensione, tutti siamo collegati e le nostre vite sono un incastro perfetto (o imperfetto) di un mega puzzle che sembra non comporsi mai, inseguiamo tutti le stesse cose ma pochi riescono a raggiungerle, subiamo tutti gli stessi torti, dolori e cambiamenti ma molti di noi non si rialzano più. Abbiamo caratteri simili e opposte e reazioni, caratteri diversi e reazioni simili, siamo un mistero, forse il più grande di tutti, siamo incomprensibili ma banali, geniali ma stupidi, abbiamo tutto e non abbiamo niente. In un percorso così instabile, come un ponte tibetano, diventa fondamentale calcolare ogni passo, oscillazione, pericolo e folata di vento, perché TUTTO, anche quello che non dipende da noi, ci condizionerà. Nella mia vita ho sempre avuto grandi sogni, grandi aspirazioni… ma a cosa porta quel percorso? in poco più di un anno di lavoro ho capito una cosa: i soldi non possono essere il mio obiettivo, lo ammetto, ci ho provato, ci ho pensato, ma sono futili, ci sono oggi ma domani mattina quando mi alzerò le borse asiatiche potrebbero avere distrutto tutto… ho pensato allora che trovare la persona giusta, la donna della mia vita, fosse la cosa più importante, ci ho creduto veramente che così avrei risolto tutte le mie inquietudini, ci ho sperato… ma non è così, non è l’amore, il sesso o la speranza di una lunga storia d’amore a dare la pace… e così ad un certo punto sono rimasto solo io, davanti allo specchio a guardarmi e a capire che tutto ciò che su cui puntare e investire in questo percorso non può essere quello che la società mi propone… voglio fare i passi giusti, non voglio cadere, non voglio sbagliare tutto… ma come? C’è una qualcuno che può dirmi dove mettere i piedi senza andare giù?

La tua parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio cammino”  (Salmo 119:105)

Dio può.

Così domani lascio tutto, parto sul serio, vado via due mesi a cercare di capire qual’è il passo giusto a capire come non cadere giù da questo ponte tibetano che è la vita.

La puntualità

Io sono un tipo puntuale, lo sono sempre stato, se ci diamo un appuntamento arrivo 5 minuti prima, almeno, o 5 dopo, al massimo, e se ho un imprevisto ti avviso. Mio padre per esempio non è puntuale, vive proprio mezz’ora avanti rispetto a tutti noi! Lui arriva ad un appuntamento dalla mezz’ora in sù di anticipo, pioggia, vento, neve, invasione aliena… lui c’è, e comunque c’è sempre prima di te! In tutta la mia vita ricordo una sola buca data da mio padre, per sbaglio, in un momento veramente fitto di impegni, l’unica macchia (ricordo addirittura il nome e il cognome della persona dell’appuntamento, tanto fu storica) in un curriculum perfetto.

Se siete puntuali, come me, allora sapete bene che gran parte della vita di noi, gente precisa, si vive in attesa, proprio nel senso classico del termine, amici, fidanzate, clienti, amici di amici, cinema… tutto arriva sempre maledettamente dopo di noi! Sempre! Quante estati sotto il sole cocente alla fermata del bus senza l’ombra di un albero e con la tabella degli orari usata a mò di ombrellone per cercare almeno di evitare l’insolazione? Quante tramonti visti dal parcheggio di qualche negozio dove ci eravamo dati appuntamento?  Quante amicizie abbiamo fatto con passanti, negozianti, ambulanti, e tutte le categorie che finiscono in “…anti”,  nelle interminabili attese appoggiati ad un muretto? in quei minuti, quarti d’ora, mezz’ore, ORE di attesa abbiamo analizzato la vita, abbiamo inventato i reality show (perché dopo 45 minuti fermo in un posto cominci anche a impicciarti dei fatti degli altri per far passare il tempo! E neanche ti notano più, ti prendono per una decorazione urbana tanto hanno fatto l’occhio a vederti lì fermo!) abbiamo riempito pagine e pagine di un immaginario libro nella nostra testa, con: Principalmente insulti ai ritardatari, SMS letti e riletti, frasi sui muri, targhe di macchine, numeri di bus, scritte sulle magliette dei passanti, intercettazioni ambientali spiando le telefonate dei vicini, ipotetiche forme delle nuvole, cercare di capire a chi(o cosa) assomigli l’autista del trenino, descrizione dettagliate di ragazze bellissime che passano…e poi dei loro bruttissimi fidanzati, fare calcoli matematici impossibile nel tentativo di capire quanti mattoni siano stati utilizzati per costruire il muro del palazzo sul quale siamo appoggiati da ormai 1 ora e, ovviamente, dulcis in fundo provare a spiegarsi perché non cambiamo amicizie!

In tutto questo viaggio mentale legato all’attesa, io ho creato film, storie e MONDI Però ho capito una cosa: il ritardatario non ha semplicemente idea di cosa sia il tempo! Non lo sa! E’ inutile tentare di arrabbiarsi, non capisce, non è un’unità di misura accettabile per lui… “Il tempo?? AHAHA ma quello esiste solo nei film!” sembra pensare mentre lo si riprende per l’incredibile ritardo accumulato, come se gli avessi detto, che ne so: “io credo in babbo natale!”. Per un ritardatario il tempo è soggettivo, cambia, è mutevole! Basta analizzare la classica telefonata di avviso che scatta dopo il primo quarto d’ora di ritardo: “tra 2 minuti arrivo” per poi farne passare altri 15! Il ritardatario non sa contare i minuti! Anzi, ha anche profondi dubbi sull’esistenza della contemporaneità, infatti al suo arrivo chiede “è tanto che aspetti?” ma come? ti ho fatto 40 chiamate nell’ultima mezz’ora! Ormai io ho smesso di combattere questa battaglia, lo ammetto, mi sono arreso, però ho trovato il compromesso accettabile: Passami a prendere a casa, almeno arrivi tardi uguale, ma ho qualcosa da fare!!!

Vi racconto una storia…

Sabato scorso ho avuto l’occasione di condividere con altri ragazzi, appassionati lettori di Bibbia come me, una storia non conosciutissima tratta dal vecchio testamento, ovvero il “primo tempo” della Bibbia, passatemi la metafora… Lo so, è lunga, però vi consiglio di leggerla, perché è bellissima! magari copiatevela, stampatevela, tornate più volte a leggerla… fate come vi pare 🙂

Ad ogni modo la storia parla del ben noto Re Davide, lo stesso ragazzino che molti anni prima con una fionda e un sasso aveva sconfitto il gigante Golia, entrando nell’immaginario comune come l’antieroe, come il colpo di scena o l’outsider che fa il colpaccio, ispirando artisti del calibro di Michelangelo, Bernini e Donatello. Questa volta il nostro “eroe” è però alle prese con tutt’altro genere di prova, infatti si trova ad affrontare nel corso della vicenda una quantità incredibile di prove e dolori che nemmeno il miglior superman avrebbe potuto sopportare. La storia sarebbe la trama perfetta di un film dei giorni nostri, infatti c’è tutto, e intendo veramente tutto: azione, giochi di potere, sesso, passione, tradimento, amicizia, politica, tattica e berlusconismo!

Iniziamo pure con la storia di:

DAVIDE E AHITHOFEL

PROLOGO

La storia ha un inizio apparentemente non collegato con le vicende che poi andremo a raccontare, ma come ogni grande film la chiave di lettura l’avremo solo nel finale!

La storia inizia con una guerra:

Con l’inizio del nuovo anno, nel tempo in cui i re vanno a combattere, Davide mandò Joab (ndb Joab comandante dell’esercito di Davide) con i suoi servi e con tutto Israele a devastare il paese dei figli di Ammon e ad assediare Rabbah; ma Davide rimase a Gerusalemme. (2 samuele 11:1)

Una guerra che Davide, grande combattente e uomo di guerra, decide di “saltare” e così se ne resta a Gerusalemme nella sua immensa reggia…

Una sera Davide si alzò dal suo letto e si mise a passeggiare sulla terrazza della reggia. Dalla terrazza vide una donna che faceva il bagno; e la donna era bellissima. Così Davide mandò a chiedere informazioni sulla donna; e gli fu detto: E’ Bath-Sceba, figlia di Eliam, moglie di Uriah, lo Hitteo(ndb Che era in guerra). Davide mandò messaggeri a prenderla, così essa venne da lui ed egli si coricò con lei;(ndb ebbero un rapporto) poi ella si purificò della sua impurità e ritornò a casa sua. La donna rimase incinta e lo mandò a dire a Davide, dicendo: Sono incinta.

Davide insomma fa il danno, invece di andarsene in guerra, invece di starsene quantomeno a dormire, si affaccia dalle terrazze del suo palazzo reale e fa in poche parole il “guardone”, non limitandosi a questo, ma incontrandosi con la donna,sposata allacciando una relazione adultera che porta anche alla gravidanza della donna. Davide, possiamo leggere nel continuo del capitolo, a quel punto si spaventa, perché sa che sarà facilmente individuabile come colpevole, fa richiamare il marito della donna dal fronte e in poche parole dopo vari tentativi di nascondere la propria colpa, lo fa uccidere.

E qui finisce l’introduzione. Infatti passano circa 10 anni e iniziamo a leggere la vera partenza della

storia con un nuovo personaggio…

10 ANNI DOPO

Absalom si alzava al mattino presto e si metteva a lato della via che portava alla porta della città. Così, se qualcuno aveva una causa e andava dal re per ottenere giustizia, Absalom lo chiamava e gli diceva: Di quale città sei?. L’altro gli rispondeva: Il tuo servo è di tale e tale tribù d’Israele. Allora Absalom gli diceva: Vedi, le tue ragioni sono buone e giuste, ma non c’è nessuno da parte del re che ti ascolti. Poi Absalom aggiungeva: Se facessero me giudice del paese, chiunque avesse un processo o una causa verrebbe da me, e io gli farei giustizia. Quando poi qualcuno si avvicinava per prostrarsi davanti a lui egli stendeva la mano, lo prendeva e lo baciava. Absalom faceva così con tutti quelli d’Israele che venivano dal re per chiedere giustizia; in questo modo Absalom si cattivò il cuore della gente d’Israele.

Immaginate adesso, nell’ipotetico sviluppo di questo film, che dopo la schermata nera con scritto “10 anni dopo” vediate un uomo bellissimo con una folta chioma e una barba scura, che sul ciglio di una strada intercetta i viandanti promettendo loro un trattamento migliore di quello che il re garantisce fino a quel momento, cercando di sbarazzarsi dei convenevoli e mettendo sul piatto offerte populiste (ditemi se questo non è berlusconismo??!!)l’uomo in questione è Absalom, il terzo figlio di Davide, la bibbia ci dice nel capitolo precedente, che è un uomo senza difetto, esteticamente parlando, e che ha talmente tanti capelli che ogni anno, tagliandoseli, restano a terra più di 3 kg di capigliatura! Absalom in questi 10 anni è stato per lo più in esilio dopo aver ucciso il fratellastro, reo di aver abusato della sorella di Absalom, una brutta storia insomma… nonostante ciò, Davide, cuore di padre, lo perdona e lo fa tornare dall’esilio. La prima cosa che Absalom, di nuovo a casa, cerca di fare è strappare la corona di testa al padre, con questa squallida tattica che abbiamo appena letto. Ad un certo punto però il piano di Absalom ha una svolta decisiva, infatti:

15:23 Absalom, mentre offriva i sacrifici(ndb è la scusa con cui è andato via da casa…) mandò a chiamare dalla sua città di Ghiloh Ahithofel, il Ghilonita, consigliere di Davide. Così la congiura acquistava forza perché il popolo andava crescendo di numero intorno ad Absalom.

Absalom fa il colpaccio! Ci riesci, la gente inizia ad essere dalla sua parte. Nell’economia di questo GOLPE la bibbia sembra dare particolare importanza alla scelta di Ahithofel di seguire Absalom, infatti Ahithofel non è uno qualsiasi, non è un semplice consigliere, ma è un vero e proprio fuoriclasse nel suo ruolo:

16:23 In quei giorni, un consiglio dato da Ahithofel aveva lo stesso valore di chi avesse consultato la parola di Dio. Così era ogni consiglio di Ahithofel tanto per Davide che per Absalom.

Insomma era un vero e proprio saggio, un uomo di tattica, un uomo che sicuramente aveva una cultura notevole ed un’abilità grandissima nell’analizzare le situazioni, praticamente Ahithofel non sbagliava mai un consiglio!

A questo punto per il vecchio re, Davide, non resta che la fuga

LA FUGA DI DAVIDE

Tutti lo abbandonano e Davide resta con solo i fedelissimi e un manipolo di mercenari che ormai riconoscono in lui un vero leader e lo seguono anche in questo momento inglorioso! Parliamo di 600 persone in totale, Davide inoltre lascia 10 concubine(una via di mezzo tra delle serve e delle moglie diciamo…) al palazzo come custodi. Davide, che ha con sé i sacerdoti con l’arca di Dio, simbolo della presenza divina (per chi è proprio a secco di vecchio testamento è quella che indiana jones cerca nel film…) decide, a sorpresa, di far tornare l’arca a Gerusalemme, perché dice: “Se io trovo grazia agli occhi dell’Eterno, egli mi farà tornare e me la farà rivedere insieme con la sua dimora. Ma se dice: “Non ti gradisco”, eccomi, faccia di me ciò che gli pare” cioè rimette tutta la vicenda nelle mani di DIO, si mette in discussione, pensa: “magari è giusto così, Dio sa…”.

FLASHBACK

Il momento è drammatico, tutti salgono sui colli intorno a Gerusalemme in fuga, tutto è finito, le vicende leggendarie di Davide stanno ormai volgendo al termine, è la fine di un’epoca, c’è un silenzio irreale tra quelli dell’entourage di Davide, tutti si guardano attorno salendo, e i ricordi affiorano, quante vittorie insieme, quanta gloria, e ora se tutto va bene al massimo ci sarà una vita in fuga, qualcuno non ce la fa più a reggere questa tensione e sbotta a piangere, è la bibbia stessa che ce lo dice. Ad un tratto tra la piccola folla silenziosa si inizia a sentire un mormorio, è arrivata una notizia! In men che non si dica la voce si inizia ad allargare a macchia d’olio fino a giungere a Davide:

15:31 Qualcuno venne a dire a Davide: Ahithofel è con Absalom tra i congiurati. Davide disse: “O Eterno, ti prego rendi vani i consigli di Ahithofel!”

Dalla reazione di Davide abbiamo ulteriore conferma che Ahithofel non è uno qualsiasi, continuando l’ipotetico percorso “cinematografico” Davide ha un flashback…

SALMO 55:12-14 ; 21-22 riferito ad Ahithofel:

Poiché non è stato un mio nemico che mi ha schernito, altrimenti l’avrei sopportato; non è stato uno che mi odiava a levarsi contro di me; altrimenti mi sarei nascosto da lui.Ma sei stato tu, un uomo pari a me, mio compagno e mio intimo amico. Avevamo insieme dolci colloqui e andavamo in compagnia alla casa di DIO.

La sua bocca era più dolce del burro, ma nel cuore aveva la guerra; le sue parole erano più morbide dell’olio, ma erano spade sguainate. Getta sull’Eterno il tuo peso, ed egli ti sosterrà; egli non permetterà mai che il giusto vacilli.

SHOCK! Davide e Ahithofel erano non solo “colleghi”. Ma amici! Avevano insieme chissà quali meravigliosi discorsi, parliamo di due uomini saggi, preparati, che amavano Dio! Com’è possibile?? Cosa può essere mai successo ad una così perfetta relazione di amicizia? Da sottolineare ancora il fatto che Davide in un momento così amaro lascia tutto in mano a Dio scrivendo un verso bellissimo, straordinario: Getta sull’Eterno il tuo peso, ed egli ti sosterrà; egli non permetterà mai che il giusto vacilli. In pratica: BUTTATI nelle mani di Dio, lui ti terrà al sicuro!

LA REAZIONE DI DAVIDE

A questo punto Davide reagisce, sa che ora tutto è nelle mani di Dio e se il Signore vuole farlo tornare a casa tutto andrà liscio, altrimenti Absalom trionferà e lui sarà solo un ricordo sui libri di storia…

Il punto chiave, Davide lo sa bene, è la relazione di fiducia tra Ahithofel e Absalom, Absalom è un narciso bamboccione, figlio di papà e viziato che finoa quel punto è stato solo capace di mentire per arrivare al potere, ma ora ha il miglior consigliere possibile, ora è come una squadra mediocre che compra Maradona, ha tutte le carte in regola per vincere! Così Davide dispone le sue pedine:

Quando Davide giunse in vetta al monte, dove adorò DIO, ecco farglisi incontro Hushai, l’Arkita con la veste stracciata e il capo coperto di terra. Davide gli disse: Se tu prosegui con me, mi sarai di peso; ma se torni in città e dici ad Absalom: “lo sarò tuo servo, o re; come fui servo di tuo padre nel passato, così sarò ora tuo servo”, tu renderai vano in mio favore il consiglio di Ahithofel. Non avrai là con te i sacerdoti Tsadok ed Abiathar? Tutto ciò che sentirai dire da parte della casa del re lo farai sapere ai sacerdoti Tsadok ed Abiathar. Ecco, essi hanno là con sé i loro due figli, Ahimaats figlio di Tsadok e Gionathan figlio di Abiathar; per mezzo di loro mi farete sapere tutto ciò che sentirete Così Hushai amico di Davide, tornò in città e Absalom entrò in Gerusalemme.

Davide prova a mettere Hushai, suo consigliere fedele, un vero amico, tra Absalom e Aithofel in modo che Ahithofel “giochi a pera” si diceva da bambini, cioè non sia ascoltato. In un primo momento il piano sembra parzialmente fallire, infatti dopo l’ingresso in città di Absalom trionfante, Hushai viene considerato come un buon consigliere e reclutato dal nuovo re, che però ascolta il consiglio di Ahithofel di allestire una tenda sulla terrazza, la stessa dove all’inizio Davide spia la bellissima donna, per avere relazioni sessuali in pieno giorno davanti a tutti il popolo con le 10 concubine che Davide ha lasciato a palazzo. Che consiglio astioso! Ahithofel deve veramente odiare Davide alla follia! E lo vediamo ancora di più nel secondo consiglio:

Poi Ahithofel disse ad Absalom: Lasciami scegliere dodicimila uomini, perché possa andare a inseguire Davide questa notte stessa; 2piombando su di lui mentre è stanco e debole, lo spaventerò e tutta la gente che è con lui si darà alla fuga; così potrò colpire solamente il re, 3ma ricondurrò a te tutto il popolo. La morte dell’uomo che cerchi favorirà il ritorno di tutti; così tutto il popolo sarà in pace.

Ahithofel si propone di andare personalmente a sterminare Davide, subito, è la cosa giusta da fare, degli altri non vuole sapere nulla, non gli interessa, LUI ODIA DAVIDE E BASTA! Clamoroso.

ABSALOM ABBOCCA E …

Ma Hushai sta volta riesce a sventare il consiglio dell’avversario perché:

L’Eterno infatti aveva stabilito di rendere inefficace il buon consiglio di Ahithofel, per far cadere la rovina sopra Absalom.

Così Davide seppe la notizia tramite le spie che aveva messo in giro, ed ebbe tempo di organizzarsi, l’indomani affrontò l’esercito di Absalom sconfiggendolo e riprendendo il potere. Davide, sempre cuore di padre, non avrebbe voluto fare male ad Absalom, ma Joab, generale di Davide, si trovò di fronte una possibilità troppo “Ghiotta” da non sfruttare: Absalom correva sul suo mulo quando i suoi capelli folti e bellissimi rimasero impigliati sui rami di un albero, lasciandolo appeso a mò di salame, per Joab fu un gioco da ragazzi. Davide fu ristabilito re, e tutto tornò alla normalità.

E AHITHOFEL?

Ma una domanda resta ancora… che fine fece Ahithofel? Subito dopo che il suo buon consiglio non fu ascoltato si ritirò a casa sua, sapendo che Absalom a quel punto era destinato alla sconfitta, non tentò nemmeno di far valere le sue ragioni:

2 Samuele 17:23

Quando Ahithofel vide che il suo consiglio non era stato seguito, sellò il suo asino e partì per andare a casa sua nella sua città. Mise in ordine le faccende di casa sua e s’impiccò. Così morì e fu sepolto nel sepolcro di suo padre.

Preferì uccidersi che vivere con Davide ancora re, un odio inspiegabile.

Un’idea del perché in realtà ce la possiamo fare, infatti tra i grandi combattenti di Davide in seconda Samuele 23:34 viene citato:

Eliam, figlio di Ahithofel di Ghilo;

Non abbiamo già letto questi nomi?

Rileggiamo i versi con cui abbiamo iniziato la storia:

Una sera Davide si alzò dal suo letto e si mise a passeggiare sulla terrazza della reggia. Dalla terrazza vide una donna che faceva il bagno; e la donna era bellissima. Così Davide mandò a chiedere informazioni sulla donna; e gli fu detto: E’ Bath-Sceba, figlia di Eliam, moglie di Uriah, lo Hitteo(ndb Che era in guerra). Davide mandò messaggeri a prenderla, così essa venne da lui ed egli si coricò con lei;(ndb ebbero un rapporto) poi ella si purificò della sua impurità e ritornò a casa sua. La donna rimase incinta e lo mandò a dire a Davide, dicendo: Sono incinta.

Ahithofel era il nonno di Bath-Sceba, la donna con cui Davide ebbe una relazione adulterina…

Incredibile, da quell’episodio passarono più di 10 anni, e da quello che leggiamo nel salmo 55, nel flashback, Ahithofel non ha mai accennato a tutto ciò,è sempre rimasto lo stesso, amichevole, saggio uomo di sempre… ma nel suo cuore covava l’odio, la vendetta, il mancato perdono nei confronti di Davide e alla prima occasione si è gettato contro Davide segnando però la propria fine. Che triste storia! Tutto iniziato da uno sguardo, di Davide, che non sarebbe dovuto esserci. E montata per l’impossibilità di perdonare di Ahithofel. Possiamo imparare molto da questa avvincente storia.