Tempi indefiniti

Se parti alle 4 di mattina, per tornare a casa, stai viaggiando di notte o di giorno? Certo, le 4 sono di “mattina” quindi di giorno, ma se tutto intorno a te è semplicemente BUIO e la luna sembra cantarti una ninna nanna per farti tornare sotto le calde coperte mentre la temperatura intorno a te è alta come un puffo… come fai a non percepirla come NOTTE?! In macchina poi non ne parliamo… in tutti sensi, perché effettivamente alle 4 di mattina di cosa vuoi parlare? Ricordi a malapena la meta figuriamoci se puoi raccontare episodi della tua vita o tentare di argomentare un’opinione!Comunque  sarebbe come cercare di spiegare la gioia di vivere ad un zombie… allora si crea un gelo spesso come una lastra di ghiaccio in alaska, improvvisamente fa più freddo dentro la macchina che fuori… prodigioso! Allora ti metti a guardare fuori dal finestrino ma è tutto maledettamente buio, non vedi nulla… la macchina però oscilla, trema, sobbalza… il vuoto intorno, il silenzio all’interno… la testa dondola, gli occhi “lampeggiano” per fortuna non sto guidando io altrimenti mi facevo tutti i pali della salerno – reggio calabria… poi inizia a piovere, sul vetro vedi le gocce: 1, 2, 3 gocce… 4 gocc… zzz zzz… le palpebre si abbracciano, il sonno è innescato… sei partito… ma un sobbalzo rompe l’incantesimo! Maledizione non riesco a dormire in macchina. Il rumore delle gocce si fa ipnotico, i tergicristalli danno il ritmo alla tua sonnolenza… “lo stiamo perdendo”, ormai è fatta! Ma con l’ultimo mezz’occhio che hai a disposizione leggi “FROSINONE”… CASPITA! Sto vicino ROMA!!! Devo chiamare per farmi venire a prendere… e come se telefonassi al sole ecco spuntare il primo raggio che decide di infastidirti… è finita, non si dorme più… però mamma mia come sto TRAUMATO!

Annunci

non si nasce imparati!

Qualcuno quand’ero piccolo mi disse questa frase orrenda per esprimere un concetto però verissimo: “Non si nasce imparati” o in italiano: “non si nasce sapendo già tutto”. L’esperienza nella vita è senza dubbio fondamentale, in ogni disciplina l’esperienza fà la differenza. Creare un “database”, un archivio, di esperienze simili a cui si è già dovuto reagire è decisamente importante. E così tutti ogni giorno impariamo qualcosa, o almeno, tutti dovremmo, se non impariamo niente iniziamoci a preoccupare perché forse non osserviamo bene la vita che ci circonda. Tutto deve essere appreso, nasciamo sapendo solo soddisfare i bisogni primari ma col crescere possiamo imparare a diventare noi stessi. Col tempo ho imparato a parlare, ascoltare, gridare, piangere, ridere, far finta di ridere, sorridere, abbozzare, temporeggiare, scusarmi, usare attrezzi e strumenti di ogni genere, lavorare, protestare, richiedere, scrutare, guardare più a fondo, ricercare, amare, fingere, pensare, programmare, aspettare il momento giusto, a stare zitto, a contare fino a 10 prima di parlare, a far ridere, a raccontare aneddoti, svariate barzellette, a distinguere il giusto o lo sbagliato,  fotografare, navigare, guidare, farmi la barba, acchiappare le mosche, non scivolare sull’erba bagnata, andare in biciletta, leggere le istruzioni, fare molte domande, incoraggiare, ascoltare musica, suonare il sax, pregare, cantare, giocare a calcetto e a milioni di giochi… ho imparato a riflettere e ad analizzare, ho imparato a non giudicare in fretta, ho imparato a dare una possibilità e subito dopo a non darne più. Ogni giorno il mondo mi insegna qualcosa, ogni mattina sò fare qualcosa in più. Come dice una bella poesia di Wislawa Szymborska:

Nulla due volte accade
ne accadrà.Per tal ragione
si nasce senza esperienza,
si muore senza assuefazione.

Caminetto

Ho sempre sognato un caminetto a casa, quando ero piccolo più che altro per avere un accesso sicuro per babbo natale. Il fuoco ha un potere ipnotico su di me, lo fisserei ore, studiandomi le capriole che fa, le oscillazioni… la legna che si consuma bruciandosi, il profumo della legna bruciata, l’odore dei jeans riscaldati davanti al fuoco… e perché no, il pane riscaldato sopra la fiamma e poi ammorbidito con l’olio. Casa mia però, vecchia e nuova, non ha mai avuto questo fantastico optional! Ora che mi trovo praticamente in montagna è diventato fondamentale però! La sera, con l’umidità gelida che entra nelle ossa e che ti fa fare la brina sulla fronte e sulla testa (che giustamnte mi sono rasato prima di venire in questo freezer), il fuoco diventa l’unico elemento amico per scongelare il cervello e tornare a ragionare! Poi vuoi mettere il fascino di 4 chiacchere fatte alla luce di un bel fuoco scoppiettante, perché lo scoppiettio è fondamentale in un buon camino! L’effetto sonoro è importantissimo! Un fuoco muto sarebbe decisamente meno interessante.

YES WEEK END!

aaaah… che bello. Se il lunedì è il giorno che odio di più il venerdì è quello che invece preferisco, la giornata sembra più leggera, tutto sembra passare più in fretta, i clienti al lavoro sembrano tutti meno antipatici, tanto qualsiasi cosa decidano o vogliano fare l’indomani non me ne ricorderò nemmeno… dolce venerdì, l’unico giorno della settimana che ha 2 giorni di riposo da offrire subito dopo… l’unico giorno in cui lavori e puoi fare tardi quanto vuoi, tanto anche se torni a casa a pezzi il sabato dormi quanto vuoi! Meraviglioso venerdì, perchè la sera sei stanco di una settimana di lavoro e stress ma tutto è pronto per ricaricarsi… Il venerdì, che giorno fantastico! Un giorno che solo da un paio di anni mi godo a pieno, infatti da studente ho sempre fatto la settimana intera (o almeno, avrei dovuto poi ho record di assenze…) e il venerdì sera era la serata dedicata all’invidia nei confronti di mio fratello, che da operaio, sgobbava sì tutta la settimana, ma il sabato mattina mentre io preparavo la cartella per andare a scuola avrebbe dormito beatamente… poi ho iniziato anche io a lavorare e allora sì che ho capito la bellezza del fine settimana! YES WEEK END!