Tanti auguri a… a chi? (video natalizio)

Entriamo nella settimana di Natale con un video sul tema… guardatelo tutto, potrebbe sembra un video che non ha nulla a che fare con il Natale… invece ce l’ha… Buona visione!

Pensateci… in Natale dovrebbe essere il compleanno di Gesù… (anche se poi è tutt’altro che dimostrato che effettivamente sia così) però visto che è una festa universalmente riconosciuta come cristiana per celebrare la nascita di Gesù, sarebbe bello e giusto rivolgersi al “festeggiato”… ALMENO a Natale.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Dio ha creato il male?

Oggi avrei voluto scrivere un articolo su delle idee, su delle opinioni, racconti… tante belle cose. veramente… ma siccome non mi sento tanto bene vi lascio “solo” questo video che gira su youtube da un po’ di tempo. molto interessante… buona visione.

aggiornamento 20 ottobre 09

Come potete leggere nei commenti. Il video è una leggenda metropolitana. Nel senso che è un episodio mai accaduto, o almeno non era Enstein! Comunque non avevo messo enfasi sulla figura proprio perché effettivamente non mi interessava “chi” ma “cosa” dice… grazie a fabristol per la segnalazione!

 

Questione di ruoli

Qual è il tuo attore preferito?

Mi piace molto Johnny Depp, ma anche Tom Hanks, Marlon Brando, ma anche Al Pacino, Robert De Niro… mi piacciono gli attori che si sanno trasformare ed adattare ad ogni ruolo! Forse è per questo che Tom Cruise o Stallone non mi piacciono molto… sia che stiano saltando con una ferrari sopra uno strapiombo alto centinaia di metri o che siano dei giovani e brillanti avvocati… sono sempre uguali!

Saper coltivare un ruolo non è cosa facile! Saperlo caratterizzare, creargli un contesto, una psicologia, una mimica, distingue un attore… da un grandissimo attore. La capacità di far vivere le emozioni, di riprodurre la vita “in laboratorio”, se mi passate la metafora, di creare sinteticamente un uomo è veramente un’arte rara. Saperlo fare fa la differenza.

Trovare il proprio ruolo è fondamentale, saperlo “calzare” lo è ancora di più… esempio: io non sarò mai un ballerino nella vita! 🙂 Però posso fare il grafico! Bisogna trovare la propria identità e plasmarla, creare il nostro ruolo, non sto parlando di creare maschere falsissime da indossare a seconda del luogo, no per carità, sto parlando di riuscire a capire cosa fare nella vita, anche con spirito di adattamento, da ruolo a ruolo… infondo abbiamo tutti molteplici ruoli, siamo figli, genitori, fratelli, lavoratori, sportivi, tifosi, autisti, amici ecc… l’importante è interpretare la vita con lo spirito giusto, in maniera magistrale.

Certo un padre non può essere come un datore di lavoro, e un amico non può essere trattato come un vicino di casa, ogni ruolo ha le sue caratteristiche, ma tutti devono avere un comune denominatore: la bravura. Dobbiamo essere bravi nei nostri ruoli, coerenti e saperli interpretare nel migliore dei modi, solo così ci potremo dire soddisfatti quando finirà il film… con buona pace degli spettatori!

Magari ci scappa pure l’oscar… :p

(manco vi sto a dire che il miglior regista per me è GESU’!)

davidissimo.wordpress.com

potenza di internet

Ieri non ho fatto in tempo a concludere l’intervento dicendo:

“P.S. Non c’entra niente ma noto che ci sono molte visite per il post “Silenzio d’oro” mi fa molto piacere visto l’argomento trattato e l’impegno del grande Carlos Martinez!”

Che poco dopo ho capto il motivo dell’aumento di visite: sono stato individuato come trasgressore… 🙂

L’entourage di Martinez mi ha chiesto di rimuovere il video per vari motivi, tutti legittimi. Quindi io per non fare polemica con nessuno, specialmente con una persona che apprezzo, l’ho subito tolto. Le mie intenzioni erano buone, penso sia chiaro, volevo solo dare risalto a quella serata che aveva un così bello scopo, ad ogni modo, errore mio. scusate tutti.

Sono onesto, il video mi piaceva, quindi un po’ mi rimane l’amaro in bocca, mi dava un po’ una vera esperienza “internettiana”, sentivo di essere riuscito a trasmettere il mio punto di vista sulla serata con le poche risorse a disposizione. Ad ogni modo, questo non intacca nè la serata ne ovviamente il messaggio. Per divertirmi come blogger avrò altre occasioni!

La cosa che più mi fa sorridere è il fatto che in vita mia non ho mai fatto uno sgarro, se una cosa non si può fare non la faccio e basta, per una volta che ci ho provato sono stato subito intercettato! ARGH!!! 😀 non potrei mai fare il criminale! Ironia del destino… come mi ha risposto il caro Jonathan dopo avergli fatto notare questa cosa: “e pensare che invece Berlusconi è primo ministro!”, sono un pivello! 😀

Che dire ancora? Per qualche minuto mi sono sentito protagonista in un piccolo intrigo internazionale, e so soddisfazioni… allora vi posto un video autorizzato, non di quella serata però…

Silenzio d’oro

Pensavate di esservi liberati di me? Avete sbagliato, domenica riposo, lunedì troppi impegni… 🙂

Ieri sera sono stato infatti ad un evento che ho apprezzato molto. Per sensibilizzare a proposito della “Dichiarazione Universale dei Diritti Umani” l’associazione culturale evangelica Controcorrente ha invitato Carlos Martìnez, attore spagnolo di pantomima  (mimo) in un piccolo tour italiano chi si è concluso per l’appunto ieri a Roma. L’attore internazionale ha così potuto mimare alcuni degli articoli principali della dichiarazione, ed eccezionalmente, ha recitato senza trucco e ha anche scambiato qualche parola col pubblico tra un mimo e l’altro parlando proprio dell’importanza dei diritti umani, soffermandosi proprio sull’umanità e sull’importanza di vivere al meglio visto che la vita è brevissima. Mi è sopratutto piaciuta l’abilità nell’alternare momenti veramente comici e leggeri con scene durissime e di forte impatto emotivo. Sono sincero, prima di vedere ieri Carlos Martinez, ho sempre avuto una sorta di pregiudizio nei confronti dei mimi, nel senso che proprio non capivo il senso artistico della cosa se non proprio alla larga e con molta diplomazia… ma ieri ho veramente capito l’arte del mimo e la grande potenzialità che la gestualità riesce ad avere, un linguaggio universale, che tutti noi possiamo capire ed apprezzare. Pensavo durante lo spettacolo a quanto certe volte il silenzio sia molto più eloquente di mille parole e in una società come la nostra che cerca di distruggere il silenzio fermarsi a guardare un uomo adulto che crea opere d’arte con il nulla è veramente spettacolare.

Bravo, bravissimo Martinez, il cui spettacolo è patrocinato da amnesty, a trasmettere l’importanza della libertà, dell’uguaglianza, del poter vivere la nostra vita al meglio, TUTTI e non solo noi, pochi fortunati del nord del mondo.

Il video che posto l’ho dovuto… “rubare” visto che era richiesto di non filmare, ma credo che una sola scenetta per lo più utilizzata come spunto per parlare di diritti umani non dia fastidio a nessuno, tra l’altro Martìnez è veramente alla mano! Un simpaticone che ha scherzato con tutti i ragazzi a fine spettacolo, quindi vi consiglio di comprare anche il DVD :p (anche perchè questo è stato l’unico che ho filmato e non è stato neanche il più bello!)

Il diritto mimato nel video è… vedetevelo, c’è scritto. 😀

DvB

Ho un sogno… forse

Ma come si fa a sognare oggi? Oggi pensavo, ma se pure uno si mettesse in testa di realizzare il proprio sogno, da dove partirebbe? Voglio dire, io sono l’ultimo a poter parlare, io i sogni neanche la notte li ricordo… Partiamo dai sogni classici d’infanzia, intanto i sogni non sono più quelli di una volta, oggi come oggi i sogni sono cambiati! Scienziato? Astronauta? Macchè, meglio il calciatore o la velina! Allora, mettiamo da parte per un attimo il fatto che io la velina non la posso fare… almeno spero, ma veramente si può sognare di diventare lo stereotipo della donna oggetto? Io non credo che chi faccia la velina sia stupida, ma caspita, se anche non lo è nessuno lo noterebbe! Il calciatore? e perché? Ormai il romanticismo dietro lo sport è defunto, morto, sotterrato, tramontanto, devo sognare di diventare un “brand” legato al contratto da una società che di certo non è così interessata al tuo futuro, circondato da fans in ogni angolo della città che ti fermano, ti fotografano, criticato dai giornali, scalciato dagli avversari… mmm… NO, e poi il top del calcio in Italia si è raggiunto neglio anni 80′ ormai che ti sogni di diventare il bomber di una stagione? e se poi incontri un moggi qualsiasi? No, no decsamente no. Posso tornare ai vecchi sogni da bambino? Che ne so… Scienziato, per inventare che? poi lo stipendio in Italia per i ricercatori è pure basso… astronauta? Ma perché poi? film come apollo 13 hanno distrutto ogni possibilità! La luna è stata raggiunta e marte è troppo lontano! Pompiere? Ma stiamo scherzando? Poliziotto, dove? In Italia?? no, no! Presentatore? Monopolio Baudo – Conti – Bonolis! Cantante? Non abbiamo bisogno di nuovi paolo meneguzzi! Politico? Non ho mai conosciuto un bambino che sognava di fare il politico, forse Berlusconi… Sogni il grande amore? Ma dove? Se quasi la metà dei matrimoni finisce in divorzio! Avventura gay? non ci provare neanche, è un marchio registrato da dolce e gabbana per la pubblicità di orologi!  Il tuo sogno da bambina era fare la casalinga, crescere i tuoi figli, ooh, che dolce! Peccato che se lavora solo il marito, in casa, lo sfratto è imminente! Una volta conobbi un ragazzino, quando avevo 4-5 anni che voleva fare il ladro, vedi, qualche aspirante politico l’ho conosciuto allora… Chi è rimasto fuori?  Pilota? Augurati di finire in Ferrari o in McLaren, se no non vincerai niente. in Moto? Sarai paragonato per secoli a Valentino Rossi, sicuro di essere più bravo di lui? musicista? Per svendere la tua arte in qualche concerto di luca dirisio?? Pittore? Na… forse imbianchino! Magari ti vuoi accontentare, quello che sogni è solo un lavoro stabile… aoh, già ti ho detto che siamo in Italia! Dottore? Hai qualche raccomandazione? almeno per l’ngresso a medicina, e sù! Giornalista?… ridaje, in Italia i giornalisti non lavorano! Informatico? e che sogno è? poi comunque dovevi andare bene a matematica (e con questa ho fatto fuori il 90% degli aspiranti… 😀 ) Vuoi un lavoro creativo? è già stato inventato tutto! bisogna emigrare… Stati Uniti? Mah… il sogno americano pare ormai vicino alla scomparsa… e allora che rimane? Una passeggiata sotto la pioggia? già fatta da altri. Un film? e su cosa? un libro? ah sì, semplice! Attore? ma sù… che vuoi fare? I Cesaroni? a questo punto non so proprio che resta, forse l’unico sogno è quello di libertà, eh sì, correre in libertà in un campo di grano… ah no, quella è la pubblicità dei 5 cereali!!