21 anni

Di notizie ne riceviamo tantissime, ogni giorno, da ogni fonte possibile ed immaginabile. Amici, parenti, giornali, televisione, internet… siamo circondati. E’ pur vero che ormai siamo quasi passivi di fronte alla grande quantità di parole che ascoltiamo, di immagini che vediamo. Tutto ci scivola addosso senza farci troppo ragionare, senza pensare troppo a ciò che significa, senza pensare alle conseguenze o senza immedesimarsi. Tutto diventa astratto, separato, così lontano da noi. Ma ogni tanto arrivano parole inaspettate, parole che interrompono quel triste trascinarsi nella vita di tutti i giorni. Notizie a bruciapelo, fredde come la lama di un coltello che squarcia la routine. Notizie. Pessime notizie. Come sapere di aver perso un pezzo della propria memoria, un frammento della propria vita… come capire che quel volto sorridente abbinato nella mia mente a due occhi azzurri brillanti e pieni di vita non lo vedrò più perché semplicemente… è andato. Che la vita abbia un senso ne sono certo, che tutto quello che ci circonda comunichi qualcosa di superiore, possegga un messaggio che indica qualcosa, una strada, una soluzione, è la mia speranza e fede più grande. Così ti ritrovi in uno dei periodi più belli della tua vita a farti trascinare dall’inerzia degli eventi, giorno dopo giorno, senza capire che tutto quello che fai, hai, vedi, è un dono… e non ti è dovuto, ti è stato semplicemente concesso. Per quanto? Non lo sapremo mai per certo. Ogni volta che apri gli occhi, ogni sogno che hai, ogni progetto che porti avanti, ogni respiro che ti riempie i polmoni, ogni volta che la mattina il tuo piede tocca per terra…  tutto è un dono. Uno splendido dono. Una possibilità in più di poter godere di questa immensa avventura che è la vita. Tutto acquista senso quando lo guardi dalla giusta prospettiva… e quella delusione, quel boccone amaro, improvvisamente cambia sapore se visto nel quadro generale della vita, della possibilità di vivere e crescere. E’ vero, fa impressione sapere che rimarrai solo nei miei ricordi, fa impressione immaginare quante lacrime cadranno per te, fa impressione sopratutto pensare che avevi 21 anni. Fa impressione pensare che sia toccato proprio a te e che ci siano altri che invece quest’avventura la vorrebbero concludere tutti i giorni e non ci riescono, fa impressione che chi combatte per la vita spesso perda e che chi combatte per morire a volte fallisca…  Un’ultima cosa la devo dire: grazie. Perché pur inconsapevolmente sei diventato il mio inno alla vita.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...