Settimo piano.

Settimo piano. tre stanze. Due finestre ed un balcone. Settimo piano. Tre persone. Qualche bottiglia e troppi ricordi.

Settimo piano, alla finestra una donna disillusa guarda le stelle, lacrime agli occhi… letto sfatto, foto sparse; sulla scrivania, sul letto, a terra. Nuvole all’orizzonte, nuvole sopra la testa, tra l’una e l’altra lo squarcio di una speranza, l’ultima rimasta appesa al cielo. L’unica che prevede un finale diverso da quello temuto. Buio, silenzio spaventoso, ombre lunghe, foto irriconoscibili… o no? Troppo dolore. Finestra aperta. Aria fredda, vento penetrante scava a fondo, scava dentro, dentro i polmoni, dentro i ricordi… scava, scava due palmi buoni di memoria… incroci del destino, giochi di terrore. Prove tecniche di sofferenza. La forza di una donna, gracile, esile, sconvolta ma coraggiosamente in piedi davanti al vento gelido…

Settimo piano, sul balcone un amico deluso guarda il vuoto. Nella mano una sigaretta, spenta. Nell’altra un ombrello, chiuso. Non è facile fissare il nulla, ma per lui  è semplice… basta guardare il posto lasciato vuoto. Basta un ricordo, uno a caso tra tutto il mazzo di promesse ed esperienze insieme. C’è una sedia, ma chi ha voglia di sedersi ora? C’è una bottiglia… piena di ricordi e cartoline. Profondo sud. Profondo nord. Nel centro lui, lasciato solo con le sue domande. Nel cuore l’eco, ridondante. Nelle orecchie parole, vuote. Le tue.

Settimo piano, seduto al centro di una stanza senza arredo, c’è un amante abbandonato. Davanti a lui una sedia vuota. La guarda. 4 minuti prima lei era lì, di fronte a lui. C’è ancora il suo profumo. Trattiene il respiro. Apnea. Sulle pareti foto di gruppo, foto da soli, lettere appese e ingiallite, pezzi di vite che si dividono. Scritte sui muri. Ognuna parla di lei, ognuna rivela un pezzo di lui. Finestra chiusa, effetto specchio, riflesso di un uomo. Sguardo fisso, sguardo disarmato, occhi lucidi. Lei è andata senza salutare. Senza spiegare. Senza capire. Lui è rimasto lì, senza capire, senza combattere, senza volere.

Piano terra. Portone aperto. Strada deserta. Un uomo esce furtivamente, occhiali scuri per nascondere a se stesso gli occhi di un debole. Piano terra. Portone Aperto. Strada deserta. Un ragazzo esce correndo,fugge, prima che l’eco delle proprie bugie lo travolga. Primo piano. Scale in marmo. Rumore di passi. Una donna scende svogliatamente, non si volta mai, in mente un uomo, quello sbagliato.

Piano terra. Portone chiuso. Per la strada tre persone fuggono nella stessa direzione. Hanno rinunciato all’amore.

VOTAMI SU OK NOTIZIE
oknotizie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...